luglio-agosto

Alessandro Agostinelli, UN MONDO PERFETTO – I comandamenti dei fratelli Coen

Edizioni Controluce, Lecce 2010
saggistica
cop.-un-mondo-perfetto.jpg

Sono otto i comandamenti che lo studioso di cinema Agostinelli individua per analizzare il cinema dei fratelli Coen. Il suo saggio nasce dopo una ricerca durata circa dieci anni e uno studio bibliografico e sui testi filmici svolto presso l'università di Berkeley, in California. Gli otto comandamenti corrispondono ai capitoli del libro che è un compendio esaustivo su tutto ciò che è stato scritto sul cinema dei Coen.
Il primo comandamento è “Lavora in coppia”, in cui si evidenzia la caratteristica della bottega artigiana, dove i Coen si avvalgono quasi sempre degli stessi collaboratori e fin dall'inizio costituiscono una squadra fedele. Si evidenzia anche il fatto che nei primi film si dividevano i compiti, firmando la sceneggiatura insieme e facendo Joel la regia e Ethan la produzione, mentre da The Ladykillers essi firmano insieme regia e produzione.  leggi tutto »

Claudio Serni

 

Alex Capus, COCOS ISLAND

Edizioni Casagrande, Bellinzona 2009
narrativa
CAPUS_cocos_island.jpg

Premetto che sono un amante dei libri e delle gesta di Robert Louis Stevenson e quindi il mio giudizio su questo libro è offuscato dall'alto parere che ho dello scrittore scozzese. Alex Capus ha dalla sua il fatto che non scrive una biografia saggistica su Stevenson, ma prova a cimentarsi con un romanzo biografico che parlando di Stevenson e della sua famiglia ci racconta la storia avvincente della vera Isola del Tesoro. Non quindi quella del libro, ma quella concreta, che per secoli è stata cercata e bucata da pale e vanghe alla ricerca del grande tesoro della cattedrale di Lima, nascosto appunto dall'ammiraglio Thompson nell'isola del cocco.  leggi tutto »

Alessandro Agostinelli

 

Stefania Nardini, JEAN CLAUDE IZZO - Storia di un marsigliese

Perdisa 2010, € 14, pag. 176
narrativa
nardini izzo.jpg

Anche se uno conoscesse Jean Cluade Izzo solo per nome, sente di averne fatto la conoscenza attraverso il libro di Stefania Nardini, una biografia con una forte partecipazione emotiva, e resta col desiderio di scoprire le sue opere per esteso, di seguire le vicende di Fabio Montale, il marsigliese a cui Izzo ha dato vita nella sua trilogia noir, e di addentrarsi con lui nell’intrigo di strade del porto di Marsiglia.
E’ una biografia speciale, perché, se Izzo è stato principalmente un poeta, la Nardini lo racconta con un registro linguistico che ne rispetta l’essenza, facendolo emergere lentamente, quasi a rispettarne il mistero e la sensibilità. Risultato, questo, di una profonda conoscenza di Marsiglia da parte dell’autrice stessa, e di un rigore giornalistico che cerca la documentazione, verbale e non verbale, senza escludere il contatto con gli stessi familiari di Izzo.  leggi tutto »

Marisa Cecchetti

 

PeaceReporter, GUERRA ALLA TERRA

Verdenero Inchieste, 2009
saggistica
peacereporter.jpg

Sono giornalisti di PeaceReporter che affrontano temi cruciali relativi alle risorse della terra ed alle guerre in atto per appropriarsene: l’acqua, il litio, il petrolio. Sono Christian Elia, Alessandro Grandi, Matteo Fagotto e Cecilia Strada. “Che si faccia per i diamanti, l’oppio, l’uranio o in nome di dio, il denominatore comune delle guerre è la distruzione della terra e dei suoi animali- scrive Gino Strada nella prefazione-. E la prima vittima è proprio l’animale che la guerra l’ha inventata e la fa: l’uomo”.
Nella introduzione Maso Notarianni, direttore di Peacereporter, ricorda come, in mezzo alle crisi economiche e finanziarie, ci sia un unico mercato che non va mai in crisi, ed è quello delle armi, che hanno una “influenza totale nell’economia, nella politica, anche nella spiritualità…e non è una grande novità che alle crisi si risponda con la guerra”. E ritorna sul quanto mai discusso concetto dei punti di vista a proposito di terrorismo e guerra: “Se per un inglese la parola terrorista si associa ai kamikaze che si sono fatti esplodere nella metro e sugli autobus, per un afghano o un irakeno che si è visto bombardare il suo villaggio, o disseminare di cluster bomb i dintorni della scuola dei propri figli, la stessa parola si associa ai militari occidentali che occupano quel paese”.  leggi tutto »

Marisa Cecchetti