novembre

Luca Ariano, CONTRATTO A TERMINE

Edizioni Farepoesia, Pavia
poesia
CONTRATTO A TERMINE LUCA ARIANO.jpg

In tempi di memorie fittizie, affetti e dolori esibiti in televisione (e come merce proposti), in tempi di finzione e assenza di memoria perché la memoria fa audience solo se manipolata e aiuta a vendere un prodotto o una idea, il libro di Luca Ariano (apparso per le nuove e coraggiose edizioni Farepoesia di Pavia) appare come una illuminazione. “Contratto a termine” –come dice infatti Francesco Marotta nell’ottima prefazione- è un libro la cui scrittura è animata e sorretta da una profonda ragione etica. In contrapposizione al guardare passivo (dei fatti, della Tv) Luca Ariano è lo spettatore silenzioso ma presente, che tutto raccoglie e che nulla tradisce: rimanda infatti un memoriale universale raccontando microstorie, fatti solo apparentemente inutili all’assieme.  leggi tutto »

Fabiano Alborghetti

 

Marco Giovenale, STORIA DEI MINUTI

con un CD di Claudio Lolli Massa, Edizioni Transeuropa, 2010, pp. 40, Euro 15,00
poesia
storiadeiminuti Marco Giovenale.jpg

Una delle resurrezioni editoriali più incredibili che abbia visto negli ultimi anni –parlando di collane di poesia- è accaduta in Transeuropa, casa editrice di Massa. Dopo il progetto “Fuori Commercio” -che ne ha gettato le basi- nasce la “Collana Inaudita”, che ha ormai in catalogo diversi titoli e che pubblica alcune delle voci poetiche italiane più interessanti del panorama contemporaneo. Patron di Transeuropa è Giulio Milani che assieme ad un nutrito team (proveniente da altre case editrici) ha creato una collana che pubblica libri di poesia accompagnati da un CD musicale di musicisti e cantautori di altissimo livello (questo grazie ad una partnership con la valente casa discografica Storie Di Note).  leggi tutto »

Fabiano Alborghetti

 

Patrizia Dughero, LUCI DI LJUBLJANA

Ibiskos Editrice Risolo, Empoli, 2010, Euro 12,00
poesia
dughero.jpg

Questa è la recensione di un esordio ed al tempo stesso una promessa: infatti Patrizia Dughero, poco dopo essere approdata alla sua prima raccolta di versi, Luci di Ljubljana (Ibiskos Editrice Risolo), ha vinto il Premio Renato Giorgi con Le stanze del sale, e dunque non passerà molto tempo prima di poter leggere il nuovo lavoro dell’autrice bolognese d’adozione ed apprezzarne la crescita. E immagino che non sarà una sorpresa, perché già in Luci di Ljubljana si scorgono i tratti di una scrittura personale e per molti aspetti già matura, anche se non mancano alcune fra quelle che spesso sono caratteristiche degli esordi, in particolare l’eterogeneità stilistica che contraddistingue buona parte del lavoro: accanto a composizioni relativamente lunghe in lingua italiana – in alcuni casi quasi delle prose poetiche –compaiono frammenti in friulano, versi in francese, ed anche diversi haiku, utilizzati a volte come interludi.  leggi tutto »

Francesco Tomada

 

Francesca Bellino, Uno sguardo più in là

Aram Edizioni, 2010
saggistica
bellino_sguardo-piu.jpg

Molti scrittori di viaggio sentono la necessità di dire i motivi del loro desiderio di viaggiare. C’è chi lo fa nelle pieghe del racconto, e chi come Francesca Bellino lo sintetizza in prefazione:
“Viaggiare per me simboleggia la vita. Significa vivere guardando avanti. Si è in viaggio ogni giorno, anche nel quartiere in cui si abita o nella città in cui si è nati, perché essere un viaggiatore non vuol dire accumulare biglietti aerei e souvenir, ma acquisire uno stile di vita teso alla curiosità e al desiderio di scoperta, d’ascolto e di rispetto dell’Altro”.  leggi tutto »

Daniele Luti

 

Sandro Bartolini, Nacqui settimino

Stampa alternativa 2010
narrativa
bartolini.jpg

Il protagonista del romanzo “Nacqui settimino”, insegnante di italiano a Kojalo, alla foce del Niger, torna in patria quando gli nasce un figlio, e viene assunto da un’azienda di vernici. Organico piramidale, operai nettamente separati dagli impiegati, lui è alla logistica, con possibilità di carriera. I sindacati appoggiano gli operai nelle loro rivendicazioni, nelle richieste di maggiore sicurezza sul lavoro, ma gli impiegati sono legati alla dirigenza di cui sono tenuti a condividere gli obiettivi, e non alzano la testa, per loro è impensabile rivolgersi al sindacato.  leggi tutto »

Marisa Cecchetti

 

Carla Polleschi, Una cirenea e il Pater Noster

Le mimose 2010
narrativa
libro x invio email-1.jpg

Se la civiltà in cui viviamo, che purtroppo abbiamo costruito negli ultimi decenni con le nostre mani, ci si sta rivoltando contro, mostrando i suoi vizi negli aspetti più esasperati e terrificanti, tanto da lasciarci senza fiato, in un turbinio di parole che ronzano intorno ai fatti più scellerati di criminalità e di malcostume, se la corruzione e la bugia trionfano davanti all’impotenza della gente, e lo sgomento cresce, forse la strada che ha percorso Carla Polleschi nel suo piccolo libro “ Una cirenea e il Pater Noster”, arricchito da splendide illustrazioni sacre, non è fuori t  leggi tutto »

Marisa Cecchetti

 

Magda Szab, La porta

Einaudi Supercoralli 2005, pag. 252
narrativa
SzaboLaporta.jpg

Uscito in Ungheria nel 1987, Az Ajt? ossia La porta, ci propone una delle più grandi scrittrici ungheresi, che si è fatta già conoscere con La ballata di Iza, Magda Szab? (1917-2007). Ambientato in Ungheria negli anni Sessanta, il romanzo si sviluppa intorno alla figura di una collaboratrice domestica, Emerenc Szeredás, che fa anche la portinaia di un condominio ed è presente ovunque ci sia da fare per la comunità.  leggi tutto »

Marisa Cecchetti