All posts by Giovanni A. Cecconi

Professore di storia romana all'università di Firenze. Da sempre appassionato di cinema, ha pubblicato recensioni, riflessioni e schede informative, oltre che come blogger su alleo.it, su Agenzia Radicale online. Ama il calcio, si occupa di politica e gioca a scacchi, praticati (un tempo) a un ottimo livello agonistico.

Posted On settembre 3, 2020By Giovanni A. CecconiIn Movie

Apertura di Venezia 2020: “Lacci” di D. Luchetti

Apre il festival con Lacci del regista italiano Daniele Luchetti. Fuori concorso, uscirà nelle sale l’1 ottobre. Non abbiamo visto il film, ma conosciamo bene il libro (autobiografico) di Domenico Starnone, che è molto coinvolgente, ed è chiaro a chi lo abbia letto che non si tratta di un’opera facilmente trasponibile in immagini. Tra Napoli e Roma, dagli anni Sessanta. I lacci sono quelli che prefigura già la frase di apertura del romanzo, scritta da Vanda, una moglie tradita e inopinatamente abbandonata, a Aldo: “Se tu te ne sei scordato, egregio signore, teRead More

Posted On agosto 27, 2020By Giovanni A. CecconiIn Movie

Verso la 77a Mostra del Cinema (Venezia Lido, 2-12 settembre 2020)

Quanto ci mostra il programma lascia sperare in un bel festival e chissà perché ci dà fiducia la presidenza della giuria di Cate Blanchett. Forse il suo sguardo fiero e la sua bellezza un po’ algida ce la lascia immaginare inattaccabile dalle lobbies e guida rigorosa della commissione. Bene ha fatto dunque il direttore della sezione cinema della Biennale e noto critico, Alberto Barbera, a sceglierla. Presenteremo il programma in un prossimo intervento. Anche a Venezia il Covid sta condizionando l’organizzazione, che ovviamente deve tener conto di ospiti, accreditati, frequentatori.Read More
In perenne conflitto con la sorella minore, altra longevissima star, Joan Fontaine, dal nome del secondo marito della madre (nata Joan de Beauvoir de Havilland, protagonista di Rebecca la prima moglie, 1940, deceduta a 96 anni nel 2013), Olivia Mary de Havilland fu di una bellezza discreta, così come interpretò spesso ruoli di donna buona e timida, peraltro rivelandosi attrice eclettica e come dirò interprete di personaggi ‘maledetti’. La de Havilland, ricordata sempre come la Melania del film etichettato sciaguratamente dai più accaniti dei fautori del movimento Black Lives Matter come razzista, Via col Vento (alRead More

Posted On luglio 2, 2020By Giovanni A. CecconiIn Culture Club

Un “calcio” al Covid-19…

Saranno stati ritmi più lenti quelli del football anni Settanta, saranno state comuni le meline con passaggi indietro al portiere, ma che nostalgia di quel football e dei suoi narratori radiofonici e televisivi! Certo, anziché spaccare le difese con accelerazioni frenetiche, o con percussioni e rimorchi, si prediligeva caracollare sulla fascia per poi accentrarsi e sparare una staffilata destinata a lambire il palo o addirittura a costringere il portiere (Fabio Cudicini?) a togliere la ragnatela dall’incrocio dei pali… o ad accartocciarsi bloccandola. L’attaccante più bravo e fortunato (non lo scarpone specialista di tiri telefonati, o addirittura di autogol con tiri telefonati vero compagno ComunardoRead More

Posted On maggio 19, 2020By Giovanni A. CecconiIn Movie

Eulogia laica di Michel Piccoli (1925-2020)

Ho sempre apprezzato tantissimo, forse senza mai amarlo veramente, Michel Piccoli. Poco di spettacolare nella sua recitazione, così sobria, persino un po’ fredda, a volte torbida, a volte punteggiata da momenti di estrosità brillante, e di genialità surreale sempre presentate con caratteristica flemma. Lo ricordo spesso inserito in cast di co-protagonisti di altissimo livello, tra i quali si distingueva anche per il semplice fatto di esserci, di attirare l’attenzione su di sé come nei gruppi siamo colpiti da chi è taciturno e schivo senza ostentarlo, perché la riservatezza è naturale.Read More

Posted On aprile 20, 2020By Giovanni A. CecconiIn Movie

Profili: NELO RISI (1920-2015)

Fratello del più celebre Dino, Nelo Risi nacque a Milano il 21 aprile di cento anni fa. Come Dino si laureò in medicina e si dedicò a lungo a giornalismo, critica e poesia: Nelo è stato un letterato fine (traduttore di Laforgue, Sofocle, Kavafis, tra gli altri) tanto quanto un cineasta sensibile e poco noto. Iniziò col documentario, negli anni Cinquanta e Sessanta (tra questi nel 1969 un episodio da Documenti su Giuseppe Pinelli, su uno dei più clamorosi e contestati casi poliziesco-giudiziari dell’Italia repubblicana). Avremmo voluto vedere Venezia, tra OrienteRead More

Posted On aprile 5, 2020By Giovanni A. CecconiIn Movie

Profili: TOSHIRO MIFUNE

Il piu’grande e prolifico attore del cinema estremo-orientale, con al suo attivo oltre 150 film, nacque cento anni fa, l’1 aprile 1920, a Qingdao nella Cina allora giapponese, da famiglia giapponese cristiana metodista. Dopo essere stato arruolato come fotografo di guerra nell’aviazione giapponese, attraverso le sue competenze di fotografo e poi di cameraman entro’in contatto con gli ambienti del cinema. Dal 1948 al 1965 giro’ da protagonista numerosi film con uno dei maestri della storia della settima arte, Akira Kurosawa, rimasto impressionato dall’energia esplosiva del giovane durante un provino per aspirantiRead More
Nato cento anni fa e scomparso a Sant’Arcangelo, il romagnolo Guerra è stato fra i massimi sceneggiatori del cinema italiano. Di famiglia semplice (i genitori erano dediti al commercio del carbone) ebbe una carriera di studio abbastanza regolari, con il privilegio di avere avuto il suo illustre concittadino Augusto Campana (n. 1906) come docente delle medie: Campana, biblioteconomo e filologo diverrà scriptor latino alla Vaticana, quindi professore alla Normale e infine Accademico dei Lincei. Un incontro forse importante per Guerra, anche se occorrerebbe scavare nei suoi ricordi per verificarlo. Tonino, presa la maturità magistrale, si iscrisseRead More

Posted On marzo 9, 2020By Giovanni A. CecconiIn Movie

Anche Antonius Block ha perso la sua partita

Max von Sydow, mancato ieri a 91 anni, fu figlio di un professore universitario di filologia e antropologia nordica di Lund e di una nobildonna, e aveva qualcosa nei suoi tratti che sembrava rifletterne l’origine: altissimo (1.93 m), elegante, spigoloso, enigmatico, trasmetteva l’idea di una calma olimpica che poteva trasformarsi in ira violentissima, in forza sovrumana. Un fisico così non avrebbe probabilmente fatto la fortuna di un attore se non fosse nato in Svezia e se non avesse incontrato il suo nume tutelare, il grande maestro Ingmar Bergman, più anziano di lui due lustri.Read More

Posted On febbraio 8, 2020By Giovanni A. CecconiIn Movie

L’icona di Hollywood, Kirk Douglas-Spartacus è morto (1916-2020)

Tra le esperienze che ricordo sempre con piacere del mio insegnamento universitario c’è quella di alcuni anni fa, quando una organizzazione studentesca della Facolta’ di Lettere fiorentina ideò un ciclo di film dedicati al mondo antico, prevedendo dopo le proiezioni un… dibattito pilotato da docenti o esperti con commento e rilettura di spezzoni di film. Dibattito non più politicizzato come sarebbe stato in tempi che per alcuni aspetti sarebbero da rivalutare ma inteso ad approfondire le implicazioni storiche, di contesto culturale, e anche di linguaggio cinematografico. Fui contattato per l’analisi di “Spartacus”. Mi preparai a fondo, rivedendo il film,Read More