20 Aprile 2024
Movie

Gli Oscar 2024, 96/ma edizione

Notizia ANSA <https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/cinema/2024/03/11/tutti-i-premi-della-96ma-edizione-degli-oscar_427a71e7-b0a9-41b4-a12e-9b4e3215d62f.html>

Sette statuette ad Oppenheimer su 13, fuori Matteo Garrone e il suo Io, capitano.

– Miglior film: Oppenheimer (statuette ai produttori Emma Thomas, Charles Roven e Christopher Nolan)

– Miglior regia: Christopher Nolan per Oppenheimer

– Migliore attore: Cillian Murphy per Oppenheimer di Christopher Nolan

– Migliore attrice: Emma Stone per Povere Creature! di Yorgos Lantimos

– Migliore attore non protagonista: Robert Downey jr per Oppenheimer

– Migliore attrice non protagonista: Da’Vine Joy Randolph per The Holdovers – Lezioni di vita

– Miglior film internazionale: La zona di interesse di Jonathan Glazer

– Miglior film d’animazione: Il ragazzo e l’airone di Hayao Miyazaki

– Miglior documentario: 20 giorni a Mariupol di Mstyslav Chernov, Michelle Mizner e Raney Aronson-Rath

– Migliore fotografia: Hoyte van Hoytema per Oppenheimer

– Migliori costumi: Holly Waddington per Povere Creature!

– Miglior montaggio: Jennifer Lame per Oppenheimer

– Miglior makeup e hairstyling: Nadia Stacey, Mark Coulier e Josh Weston per Povere Creature!

– Migliore colonna sonora: Ludwig Göransson per Oppenheimer

– Migliore canzone originale: What was I made for? da Barbie, music e lyric di Billie Eilish e Finneas O’Connell

– Migliore scenografia: James Price e Shona Heath; Set Decoration, Zsuzsa Mihalek per Povere Creature!

– Miglior sonoro: Tarn Willers e Johnnie Burn per La zona di interesse

– Migliore sceneggiatura non originale: American Fiction adattata per lo schermo da Cord Jefferson

– Migliore sceneggiatura originale: Anatomia di una caduta, scritta da Justine Triet e Arthur Harari

– Migliori effetti speciali: Takashi Yamazaki, Kiyoko Shibuya, Masaki Takahashi e Tatsuji Nojima per Godzilla Minus One

– Miglior corto d’animazione: War is over! di Dave Mullins e Brad Booker

– Miglior corto live action: The wonderful story of Henry Sugar di Wes Anderson e Steven Rales

– Miglior corto documentario: The last repair shop di Ben Proudfoot e Kris Bowers

 

Giovanni A. Cecconi

Professore di storia romana e di altri insegnamenti di antichistica all'università di Firenze. Da sempre appassionato di cinema, è da molti anni attivo come blogger su alleo.it per recensioni, riflessioni, schede informative, e ricordi di attori e registi. È stato collaboratore di Agenzia Radicale online e di Blog Taormina. Ama il calcio, si occupa di politica e gioca a scacchi, praticati (un tempo lontano) a livello agonistico, col titolo di Maestro FIDE.