Words Category

Posted On giugno 15, 2021By Luca LucentiniIn Words

Accesso all’acqua – Transizione verde

Allungata come una fusoliera nel bacino del Mediterraneo, caratterizzata da un’eterogeneità territoriale, climatica e micro-climatica che sostiene riserve di biodiversità vegetale e animale tra le più importanti del continente europeo e genera paesaggi straordinariamente ricchi di storia e cultura, l’Italia rappresenta un vero e proprio laboratorio a cielo aperto sui cambiamenti climatici: a partire dallo studio dei molteplici effetti associati ai diversi scenari di rischio sito-specifici, fino alla definizione urgente di misure di adattamento e resilienza, dagli ambiti più distali fino alla governance centrale. Attraverso il progetto “Effetti sulla saluteRead More

Posted On giugno 7, 2021By Alessandro MazzeiIn Words

5 domande su Israele e Palestina

Mentre l’Autorità palestinese ha evitato le elezioni, il nuovo progetto di governo israeliano aspetta la conta alla Knesset. Ma non si può ignorare ciò che è successo in queste ultime settimane. E chi, come me, da anni frequenta Israele e Palestina per lavoro, avendo contatti professionali con soggetti di entrambe le parti deve porsi alcune domande. Stiamo parlando ancora una volta del conflitto tra palestinesi e israeliani che ormai dura da almeno 74 anni. Si tratta di un conflitto che ha vissuto momenti di vera e propria guerra tra IsraeleRead More

Posted On giugno 5, 2021By Rassegna ItalianaIn Words

Tank Man non deve scomparire

Da San Francisco fanno sapere che si sta provando a rimediare, ma la Cina vuole farsi riconoscere anche lavorando sulla cancellazione della memoria (virus letale in questi ultimi due anni…). La foto icona della repressione di Piazza Tienanmen, quella dello studente che sta in piedi davanti ai carri armati e ne blocca l’avanzata, è scomparsa dal motore di ricerca Bing, sia dentro che fuori dalla Cina. La Microsoft, che gestisce Bing, dal canto suo fa sapere attraverso un portavoce che la sparizione “è dovuta a un errore umano”, aggiungendo di star cercando di porre rimedio all’inconveniente. MaRead More

Posted On maggio 17, 2021By Rassegna ItalianaIn Words

Hamas non è la Palestina

Il partito di Hamas (sostenuto militarmente dall’Iran) anni fa riuscì a cacciare l’Autorità Nazionale Palestinese da Gaza, vincendo lì le elezioni palestinesi. Da tempo controlla la Striscia con la forza e come un regime totalitario da cui i cittadini dipendono in tutto e per tutto. Hamas (che nel suo statuto sostiene non debba esistere Israele) dove può si affida alla faccia rispettabile di dirigenti che lavorano in stretto contatto con l’ANP di Abu Mazen (presidente riconosciuto dei Territori palestinesi), e conta sul sostegno di molte associazioni e organizzazioni non governativeRead More

Posted On maggio 16, 2021By Alfredo De GirolamoIn Words

Draghi & Kerry a emissione ridotta

L’Italia sta già facendo qualcosa per combattere il cambiamento climatico. Lo si evince dai dati dell’ultimo rapporto di ISPRA – l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale del Ministero dell’Ambiente – sugli indicatori di efficienza e decarbonizzazione del sistema energetico nazionale e del settore elettrico. Numeri incoraggianti: il consumo di energia per unità di PIL si riduce del 17,4% dal 2005 al 2019, mentre le emissioni di gas serra per unità di PIL si riducono del 28,5%. Inoltre, dal 2005 diminuiscono le emissioni di gas serra per unitàRead More

Posted On maggio 10, 2021By Rassegna ItalianaIn Words

Caos a Gerusalemme

Non sappiamo se Netanyahu tragga un vantaggio da questo caos che sta infiammando Israele e Palestina. Certamente non sembra fare niente per calmare le acque. E questo fa comodo anche ad Hamas per alimentare l’odio. Infatti, riesplode la tensione a Gerusalemme. Si protesta per il possibile sfratto di 70 famiglie palestinesi dal quartiere Sheikh Jarrah a Gerusalemme est (su cui però il Tribunale israeliano ha di fatto bloccato al momento lo sfratto), a cui oggi si è sommato l’annuncio di una marcia della destra nazionalista ebraica, poi cancellata. Intanto, ilRead More

Posted On maggio 8, 2021By Rassegna ItalianaIn Words

Netanyahu addio? Israele al bivio

Bibi non sembra più in sella. E Israele sta attraversando un periodo confuso. Ci ha provato per ventotto giorni, ma alla fine ha dovuto desistere: dopo le elezioni di marzo, Netanyahu questa volta non è riuscito a formare un nuovo governo. Al potere per dodici anni, malgrado le inchieste per corruzione e l’odio degli ex alleati “traditi”, Bibi potrebbe dover scendere dal trono dopo un periodo di crescente instabilità politica (siamo alle quarte elezioni in due anni). Qualche giorno fa il presidente israeliano Rivlin ha dato mandato di formare unRead More

Posted On maggio 2, 2021By Alessandro AgostinelliIn Words

Ferragnez contro Radetzky

Il tema non sono soltanto i diritti civili o la beneficienza. Non è soltanto una storia su Instagram o un set sul palco del Primo Maggio. Il tema è la politica che non c’è. E visto che, dopo il Risorgimento e la Resistenza, siamo tutti a identificare il PNRR (Piano nazionale di Ripresa e Resilienza) come il terzo punto di svolta positivo per la crescita italiana, dovremmo tutti chiederci dove andremo a finire. Fedez fa scalpore perché è l‘unico che ci mette la faccia e sostiene una causa giusta: tuttiRead More

Posted On aprile 26, 2021By Rassegna ItalianaIn Words

Draghi-Italia, chiama Europa

Da ultimi della classe a “studenti modello”: così l’Italia è cambiata in Europa grazie alla leadership di Mario Draghi. O almeno così sostiene il Financial Times. E due settimane fa era stato il New York Times a spiegare come Draghi stesse “cambiando l’Italia e salvando l’Europa”. Il premier, conosciuto all’estero per il suo “whatever it takes” che aveva – quella volta per certo – contribuito a salvare l’euro, oggi riceve lodi per molte sue scelte: dal blocco dell’export di vaccini che ha inaugurato il “nuovo corso” europeo al guanto diRead More

Posted On aprile 20, 2021By Alessandro AgostinelliIn Words

Dalla SuperLeague agli androidi

Avrei voluto scrivere un articolo sulla Super League, cioè quella proposta fatta da 12 squadre di calcio contro cui si sono scagliati tutti i residenti dell’Unione Europea, politici e animali da compagnia compresi. Ripeto, avrei voluto scriverne, ma a questo punto non saprei più che cosa dire perché oltre la metà delle squadre che ne facevano parte hanno fatto marcia indietro (sic!). E quando una notizia di sport arriva a occupare prime pagine, aperture, editoriali e commenti nell’arco di circa 48 ore, può significare due cose. Primo: l’Italia ha vinto iRead More