Words Category

Posted On gennaio 20, 2020By Marco GiaconiIn Words

La Libia e il destino mediterraneo

Cosa è stato stabilito dalla conferenza di Berlino sulla Libia, conclusasi rapidamente domenica 19 gennaio? Vediamo di preciso. Viene creato un nuovo Comitato 5+5 paritario tra il governo di Tripoli, ovvero tra l’ormai esangue governo di Al Serraj, amato dall’ONU, e le truppe di Bengasi di Khalifa Haftar, nei cui territori circola la moneta, stampata a Mosca, che porta in effigie il colonnello Gheddafi. Il panel di esperti del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, fra l’altro, ha già dichiarato che l’embargo sulle armi, tanto strombazzato dal governo italiano, è “del tuttoRead More

Posted On gennaio 7, 2020By Alessandro AgostinelliIn Words

Appiccare incendi…

Prenderanno degli elicotteri e con tiratori scelti cominceranno a sparare: un cammello alla volta. Hanno intenzione di uccidere fino a 10mila cammelli selvatici nell’Australia del Sud, su ordine del capo della comunità aborigena Anangu. Cinque giorni di tiro al bersaglio perché i cammelli sono alla ricerca di acqua e invadono le zone vicine alle abitazioni. I cammelli selvatici australiani non sono improvvisamente impazziti. È che in Australia fanno più notizia dei canguri, dei koala, degli opussum e di tanti altri animali che vivono là in quantità immensamente superiori ai cammelli.Read More

Posted On gennaio 3, 2020By Marco GiaconiIn Words

Esercito del lavoro e povertà

Ce la ritroveremo tra i piedi nel 2020 e anche dopo, la povertà di massa. In Italia, ce lo dice l’ISTAT, ci sono oltre 1,8 milioni di famiglie povere, per un totale di 5 milioni di individui. I dati sono stabili dal 2016. Poi c’è la “povertà relativa”, ovvero il consumo pro- capiteminore di quello medio nazionale, e qui le famiglie sono 3 milioni, per un totale di quasi 9 milioni di individui. Insomma, ci sono 14 milioni di persone definibili, nelle varie categorie statistiche, come “poveri”. Poi ci sonoRead More

Posted On dicembre 31, 2019By Alessandro AgostinelliIn Words

Alfabeto 2019

AZZURRI La Nazionale di calcio, guidata da Mancini, ha avuto un buon 2019 e sta vivendo una nuova stagione di successi. Anche i tifosi si sono riavvicinati alla squadra. Speriamo che nel 2020 accada qualcosa di bello… BLACKEST BLACK Nel 2019 al MIT (Massachussets Institut of Technology) hanno inventato una sostanza composta da nanotubi di carbonio, in grado di trattenere il 99,995% della luce. È il materiale più nero mai creato dall’uomo. CICLONE IDAI È stata una bufera che si è abbattuta su gran parte dell’Africa sub-sahariana e che ha fattoRead More

Posted On dicembre 22, 2019By Guelfo GuelfiIn Words

Buone feste, per una nuova speranza

La cosa in cui credo di più sono le buone ragioni. Le ragioni sono buone se nascono dalla condizione in cui viviamo. È una legge provata ma non certo la più condivisa. Si pensa, infatti, che la ragione sia quella che viene sventolata a turno dai prepotenti di tutto il mondo. Che gli frega a loro delle ragioni del vicino, del diverso, del bisognoso. Ma anche di quelle del preveggente, del filosofo, della scienza e dell’economia. Loro sono tanti e si sentono forti. Loro sono sordi. Poi ci ostiniamo aRead More

Posted On dicembre 12, 2019By Guelfo GuelfiIn Words

La strage di tutti

Il 12 Dicembre del 1969, con i miei compagni, eravamo nel mirino. Non lo sapevamo ma era così. Le vittime furono donne, uomini, giovani e vecchi, che si trovavano in Banca, la Banca Nazionale dell’Agricoltura in Piazza Fontana a Milano. Erano nel mirino le lotte operaie, il contratto dei metalmeccanici, gli studenti della Statale, gli occupanti di Palazzo Campana a Torino o della Sapienza a Pisa. Ma forse sbaglio. La strage s’abbatté sullo stato delle cose. Sulle lotte sociali, sul sogno di una democrazia moderna ed evoluta, ma non nacqueRead More

Posted On dicembre 10, 2019By Marco GiaconiIn Words

Il Belpaese? La Svizzera

Elvezia il tuo governo… il vecchio canto degli anarchici “Addio Lugano Bella”, scritto dal siciliano ed elbano Pietro Gori, oggi riguarda anche i contribuenti italiani. Ma in senso opposto a quello dei “cavalieri erranti” dell’anarchia, spediti fuori, senza troppi complimenti, dal territorio elvetico. Nel 2018, infatti, la Confederazione Elvetica ha avuto una eccedenza, nel bilancio pubblico, di 2,5 miliardi di Franchi, che aumenterà, come oggi sembra, nel 2019. Da noi, sembra impossibile, uno scherzo di cattivo gusto, una bella fola dei politicanti inetti che ci ritroviamo tra le balle. Ecco laRead More

Posted On dicembre 2, 2019By Marco GiaconiIn Words

Serpico controlla gli italiani

Oggi, con certi analfabeti al potere, occorre armarsi di pazienza e spiegare come si farebbe a una “classe di asini” magicamente arrivati al Governo. Ma la class di asenvale anche per le opposizioni. Un posto nell’Esecutivo, per parafrasare Vittorio Emanuele II, ormai non si nega a nessuno, come le commende e i sigari. Siamo quindi a parlare dei controlli fiscali. Che tutti credono scarsi e inefficaci. E ne invocano il rafforzamento penale, magari con le classiche “manette agli evasori”. E ai cretini niente?  Vediamo meglio. Per le ultime valutazioni delRead More

Posted On novembre 22, 2019By Marco GiaconiIn Words

Il Fondo Salva Stati Europeo

L’European Stability Mechanism, ovvero quello che comunemente chiamiamo il “Fondo Salva-Stati” è il frutto di un trattato internazionale tra i governi della UE che usano la moneta comune. Quindi, si tratta di una Organizzazione Internazionale, non di un Ente della Unione Europea, a cui comunque fa riferimento. L’ESM nasce dalle modifiche all’art.136 del Trattato di Lisbona, che sono state approvate il 23 marzo 2011 dal parlamento europeo e poi ratificate dal Consiglio Europeo pochi giorni dopo. Le date sono sempre importanti, qui l’ESM dimostra di essere un Trattato che nasceRead More

Posted On novembre 15, 2019By Marco GiaconiIn Words

Imprese italiane in mano alla Cina

Chi pecora si fa il lupo se la mangia. L’Italia, tra politiche fiscali deflattive e ben 168 tavoli di crisi aperti finora al Ministero dello Sviluppo Economico, oltre al caso Mittal-Arcelor irrisolto, ma che è, comunque, il manifesto della deindustrializzazione italiana, diventa un boccone appetitoso per gli investitori esteri. La Cina, per esempio. La Forever Sharing, controllata dal gruppo Zhonglu di Shangai, ha comprato una quota rilevante di Helbiz, società italiana, ma con sede a New York e uffici a Milano, Belgrado, Madrid e Singapore. Si occupa, la Helbiz, di tecnologieRead More