Sun Category

Anche il prefatore, Luciano Luisi, non può fare a meno di notarlo: il libro di Vittori ha un precedente illustre, cioè “Antologia di Spoon River” di Edgar Lee Masters. È presto detto, il suo libro poetico consta di quarantanove componimenti che tentano di descrivere ciascuno un morto, ma il fatto originale è che il morto o la morta in questione è ignoto, cioè nessuno ha reclamato la sua scomparsa, il suo corpo; nessuno si è fatto avanti per decretarne un legame familiare o amicale e restituirgli il suo nome. Infatti,Read More

Posted On novembre 5, 2018By Martino BaldiIn Sun

Gregorio Magini, Cometa, Neo 2018, pagg. 243, € 15,00

Se l’epoca dell’affermazione della borghesia europea aveva trovato il suo miglior rispecchiamento letterario nel modello del romanzo di formazione, l’epoca del suo inarrestabile autodisfacimento ha generato invece un modello contrario, il romanzo di de-formazione, individuato da diversi interventi critici ma non sistematizzato come fatto, per esempio, da Franco Moretti col modello precedente. Così l’etichetta è stata forse abusata per la facilità di riferimento, quasi a voler indicare un più superficiale “qualcosa è cambiato”, ma talvolta utilizzata senza l’adeguata profondità di riflessione che l’applicazione di un nuovo paradigma richiederebbe. Con CometaRead More
Negli anni ’50 del secolo scorso a Reykjvik nasce Ásta -il suo nome contiene la radice islandese ast che significa amore- da una coppia innamorata e passionale, lei è Helga, 19 anni, lui è Sigvaldi, 30. Hanno già un’altra bambina piccola. Helga emana una sensualità conturbante, assomiglia a Liz Taylor, è inquieta, accarezza dentro di sé il bisogno di libertà. Abbandona presto la famiglia così Ásta, di soli sette mesi, viene trovata da una donna umile che la cresce come una madre, mentre sua sorella viene data in adozione adRead More
Si arriva a un’età in cui serve togliere più che mettere. Francesco Margani a sessant’anni coglie esattamente la linea d’ombra, il passaggio all’essenziale, e la inonda di luce con questa sua nuova raccolta di poesie che sono un bilancio, quello di una vita. Con la sua ritrosa vitalità il poeta coglie nella natura il germe infinito della riproduzione basilare dell’esistenza e le sue liriche sono un compendio di insetti, uccelli, fiori, alberi. Qui, dentro a questa raccolta, si nomina la natura, la si evoca, la si rende vivida agli occhiRead More
Sono solo cento copie firmate e numerate quelle che Eliana Favilla ha preparato per i suoi lettori ed amici, con delicate illustrazioni di fate e castelli di Anna Meucci. Collirio di rugiada, a cura di Giuseppe Cordoni, è un dono per le nipotine, Elisa, Anna, Gemma: con rovesciamento dell’assunto eliotiano, l’arrivo di una bambina rende il mese della nascita “il meno crudele/degli aprili”. Le segue fin dalle emozioni del primo giorno, ne coglie le lente e progressive scoperte della vita, i contatti, le meraviglie. La bellezza di questo dono poeticoRead More
E’ un dialogo d’amore – distinto dal corsivo nelle poesie della Valacca e dal tondo in quelle di Schlesak, con testo tedesco a fronte – che ricorda il Cantico dei Cantici, carico di Luce, di spiritualità, di sensualità e di passione. Uomo e donna si ascoltano, riprendono, sviluppano ognuno il pensiero dell’altro, come due anime fuse in una sola anima, creando una catena di anelli che esaltano l’amore come supremo bene concesso, un bene che è esistito da sempre in varie forme, come bambini fratelli, padre e figlia, amici, oRead More
C. Card, lo scalcagnato detective privato protagonista di Sognando Babilonia, è probabilmente il più tenero e poetico dei perdenti che vi capiterà di incontrare in letteratura. Il suo problema è una tendenza patologica alla fantasticazione che lo rapisce e che gli fa perdere il contatto con la realtà per immaginare avventure emozionanti e inverosimili di un proprio alter ego nella Babilonia di Nabucodonosor, al fianco della bellissima amante Nana-dirat. Nella realtà, rimasto senza ufficio, senza macchina, senza clienti, senza donne, senza un centesimo in tasca, pieno di debiti con chiunqueRead More
 Non è facile elaborare uno strappo inatteso e feroce. Non basta la vita che ci rimane. Passano gli anni, gli oggetti di cucina tornano al loro posto: “le tazze/ grandi  da cui bevevamo/ il tè nero tutte le mattine!…il tuo orsetto marrone,/pensionato da sedici anni,/ è tornato pure/lui a letto”. E’ una morte domestica che il cuore non può accettare, può solo tentare di convivere con essa. Vita è precarietà, “un lumino/tenuto tra le mani/del vento”, tutto si riduce ad “una vela di vita tra le dita” ed i presagiRead More

Posted On luglio 31, 2018By Alessandro AgostinelliIn Sun

William Tatge + Last Call, Borderlands, Edizioni Parco della Musica

C’è ancora, per fortuna, chi ha voglia di fare musica fuori dalle briglie dei suoni già sentiti e, soprattutto, lontano dal mainstream che conduce tutto a una semplificata versione melodizzata di repertorii jazz fatti di standard e ballads. Siamo quindi di fronte a un progetto musicale forse controcorrente, forse fuori moda, ma rigoroso e suonato da veri professionisti, quando è facile ormai imbattersi in nostalgici strimpellatori di gesti risaputi. Questo Borderlands è proprio ciò che il titolo promette. Sono appunto territori di confine che rimarcano una maniera di fare musica inRead More

Posted On luglio 25, 2018By Martino BaldiIn Sun

Andrea Fiorito, Esche, Corrimano 2018, pagg. 125, 10 euro

“La terra è arida di affetto. La masturbazione distrae dal bisogno d’affetto e per fortuna che esiste.” Tra addii al celibato e puttan tour, approcci maldestri tra colleghi di lavoro e vari tipi di sessuomanie, fenomenologie della masturbazione e incontri ambigui fuori dalle stazioni ferroviarie, Andrea Fiorito esordisce disegnando per mezzo di una dozzina di racconti un universo concentrazionario in cui il rapporto ossessivo e irrisolto dei suoi personaggi con l’erotismo è il sintomo di una condizione umana raggelante. Siamo in un non meglio precisato Nord Italia, una società inRead More