Culture Club Category

Posted On marzo 20, 2019By Francesca BarberiIn Culture Club

Salviamo le foreste

Il clima e la salute del pianeta stanno tornando vivacemente alla ribalta per merito delle giovanissime generazioni. Lo sciopero mondiale per il clima ha avuto un grande successo, anche in Italia, soprattutto a Milano. Ma anche varie organizzazioni e associazioni si danno da fare per ragionare, anche con apporti scientifici di rilievo, intorno al tema ambientale. Proprio qualche giorno fa, tra le mura medievali di San Miniato (Pisa) e le colline toscane, si è discusso di foreste e sfide globali: l’associazione Greenaccord Onlus ha infatti dedicato il XV Forum internazionaleRead More

Posted On febbraio 17, 2019By Gianfranco CordìIn Culture Club

La soglia

Varcare la soglia. Passare oltre la soglia. Attraversare la soglia. Nella coscienza (nella mente umana) c’è una soglia. Tutto quello che è cosciente è separato dall’inconscio. L’inconscio non ha attraversato la soglia della coscienza… Ma lasciamo stare la psicologia. La soglia è un termine del discorso filosofico molto particolare. Si tratta di un termine che stabilisce una porta, un’entrata, un uscio. La finestra che porta al di fuori di qualcosa. L’entrata che ci fa essere in un altro posto. Da luogo a luogo si passa attraverso la soglia. Che èRead More

Posted On febbraio 10, 2019By Alessandro AgostinelliIn Culture Club

La verità su #sanremo2019

Vorrei dire a Mara Venier che: o sono “solo canzonette” o è “lo specchio del Paese”. Mai una volta che ci mettiamo d’accordo sui fondamentali. L’Italia è così: è tutta una chiacchiera e un post, un vaffanculo e una carezza (in un pugno però)… Dopo SanRemo servirebbe SanFlaiano, quello che diceva che la situazione è grave ma non è seria. Sì, perché gli italiani sono uno dei pochi popoli che parla di Sanremo come se fosse una guerra, mentre parla di una guerra commerciale (quella in corso con la FranciaRead More

Posted On febbraio 2, 2019By Gianfranco CordìIn Culture Club

Diseguaglianze

Diseguaglianze. Ovvero: chi ha e chi non ha. Dal punto di vista economico è questa la diseguaglianza più appariscente. Ovvero, dal punto di vista esistenziale: chi è e chi non è. Chi è qualcuno e chi non è nessuno. Ovvero ancora: diseguaglianze tra chi appare in un modo e chi appare in un altro. Questo dal punto di vista della società. Di fronte alle diseguaglianze ci si pone sempre il problema di come fare a far sì che queste diseguaglianze spariscano, a come ottenere l’eguaglianza. Eguaglianza delle condizioni: ciascuno deveRead More

Posted On gennaio 29, 2019By Gianfranco CordìIn Culture Club

Sostiene Brancatisano

C’è un romanzo di Antonio Tabucchi che si chiama Sostiene Pereira. Esso racconta la storia di un certo dottor Pereira che, da umile giornalista, si trasforma in eroe. Questo che cosa vuol dire? Pereira è un uomo anziano (anche Brancatisano lo è, oggi), ridotto a trascorrere le sue serate a dialogare col ritratto della moglie defunta, ormai del tutto privo di un ideale o di un motivo consistente per il quale vivere. Ma, a un certo punto, dentro di lui (nel suo animo) entra la passione. Quella cosa che primaRead More

Posted On gennaio 26, 2019By Alessandro AgostinelliIn Culture Club

Per la Giornata della Memoria 2019

“Non so cosa mi sia preso”, fu la giustificazione di uno degli assassini. Nessuno sostenne di aver soltanto eseguito gli ordini. Tutti erano coinvolti, tutti furono colti da sorpresa più che da pentimento il giorno successivo, quando si accorsero dell’orrore che era accaduto. Ci sono le masse rivoluzionarie del proletariato, quelle con la coscienza di classe di cui parla Karl Marx; c’è l’uomo-massa del filosofo spagnolo Ortega y Gasset; c’è la massa che si forma per il timore degli individui di essere toccati individualmente dello scrittore Elias Canetti. Alla baseRead More
La letteratura del Novecento ci ha aperto vie praticabili, cammini di libertà fino ad allora impensati. Il libro di Alessandro Agostinelli già nel titolo Benedetti da Parker (2017, Cairo editore, Milano) è un libro denso e ricco di sfumature di significato. La densità è rappresentata dall’ossatura plurale del testo. Per quanto questo sia un romanzo, per grado di scrittura, giacché, credo si possa dire che la traccia eminente è nel ‘racconto’ che dissolve il suo oggetto – il plot della narrazione, in una verità prospettica. Meglio ancora pluriprospettica. Infatti èRead More

Posted On dicembre 27, 2018By Gianfranco CordìIn Culture Club

La fine e l’inizio (imene esistenziale)

1. Il capo, l’orlo, il bordo. Ma anche il limes degli antichi romani, il limite, la frontiera americana. Ma anche l’estremo, il confine, la cima, l’ultimo. L’eschaton. Il margine, la fine… La punta, l’orizzonte, la riva, i fini, gli scopi… Ma anche il telos, il contorno, la possibilità del limite: il limite è una possibilità! Fino a un certo punto: quel certo punto è il capo. La prua. La punta fallica. Il gradino. La figura prodiera. Il becco. La piuma. Il guardiano. Il farsi carico del fare strada… Fare laRead More

Posted On dicembre 1, 2018By Alessandro AgostinelliIn Culture Club

Bennato, unico rocker

Non è il nome rock a non dire più nulla. È che non ci sono più quei fighi della madonna di una volta, cioè quelli che ha citato anche Gino Castaldo l’altro giorno su Repubblica: Bob Dylan, Lou Reed, Jimi Hendrix, Frank Zappa, Pink Floyd, Rolling Stones e altri. Del resto che vuol dire barocco? E che cosa vuol dire jazz? Come etichette tassonomiche della critica sono espressioni per indicare un’atmosfera (come l’avrebbe definita Roland Barthes, quello che non faceva le recensioni a Guccini, per dirla con Via Paolo FabbriRead More

Posted On novembre 29, 2018By Giovanni A. CecconiIn Culture Club

Scacchi: vince Carlsen

Magnus di nome e di fatto. Carlsen si conferma campione del Mondo. Si è concluso a Londra il campionato mondiale di scacchi. Dopo dodici patte poco emozionanti la sfida si è decisa allo spareggio, un minimatch su quattro partite giocate a ritmi veloci, “Rapid”, 25′ (+10′)  a testa per finire la partita. Dopo il 6:6 nel gioco classico (tempi di riflessione lunghi), il Grande Maestro detentore del titolo Magnus Carlsen (Norvegia) ha trionfato nel Rapid con un micidiale 3:0 sconfiggendo l’americano Fabiano Caruana. Alla fine quella che potremmo definire la cinica strategia diRead More