Culture Club Category

Posted On luglio 31, 2020By Salvatore RitrovatoIn Culture Club

Il libro delle 10 novelle di Calandrino

Dieci nuove novelle APOCRIFE di messer Calandrino (al secolo che fu Giovannozzo di Pierino detto il sopradetto) in gentile & odierno volgare trasposte (dedicate al suo Maestro)Read More

Posted On luglio 29, 2020By Lorenzo MeiIn Culture Club

Esterina, una normale meraviglia

Questa estate del 2020, l’estate della pandemia, è diversa da tutte le altre che abbiamo vissuto. È difficile ritagliarsi anche poche ore in cui ci si dimentica completamente di quello che sta succedendo, di quello che è successo, di quello che ancora potrebbe succedere. Però può capitare di scordarsene. Per esempio venerdì 24 luglio, al terzo Concerto di Rietto degli esterina, a un certo punto mi sono guardato intorno, ho respirato l’aria fresca della campagna, e mi sono reso conto di essere nel bel mezzo di un momento sereno, unoRead More

Posted On luglio 16, 2020By Carlo TestiIn Culture Club

Elba Book: isola di cultura

Sono ormai sei anni che l’Isola d’Elba d’estate diventa una grande biblioteca, o libreria, se volete. Si chiama Elba Book Festival ed è forse il maggiore evento culturale dell’isola e di tutto l’arcipelago toscano. Quest’anno la rassegna si svolge in maniera speciale, con una serata unica a Rio nell’Elba, martedì 21 luglio, per i noti fatti di Covid-19. Questione di virus Il 2020 sarà un anno che non dimenticheremo, in cui gli eventi hanno preso pieghe inaspettate e inimmaginabili, il mondo è stato travolto e tutti siamo chiamati a riflettere sulleRead More

Posted On luglio 2, 2020By Giovanni A. CecconiIn Culture Club

Un “calcio” al Covid-19…

Saranno stati ritmi più lenti quelli del football anni Settanta, saranno state comuni le meline con passaggi indietro al portiere, ma che nostalgia di quel football e dei suoi narratori radiofonici e televisivi! Certo, anziché spaccare le difese con accelerazioni frenetiche, o con percussioni e rimorchi, si prediligeva caracollare sulla fascia per poi accentrarsi e sparare una staffilata destinata a lambire il palo o addirittura a costringere il portiere (Fabio Cudicini?) a togliere la ragnatela dall’incrocio dei pali… o ad accartocciarsi bloccandola. L’attaccante più bravo e fortunato (non lo scarpone specialista di tiri telefonati, o addirittura di autogol con tiri telefonati vero compagno ComunardoRead More

Posted On giugno 23, 2020By Roberto VeraciniIn Culture Club

Mariolino Corso, ala sinistra

Mariolino Corso giocava la sua partita in un metro quadrato di campo e non correva. Da quell’avamposto scrutava l’orizzonte, cercando nell’aria il varco sottile, la crepa impercettibile nella postazione avversaria. La palla arrivava a lui come a un padrone naturale: coccolata, vezzeggiata, domata, sapeva ripartire quando lui voleva, infiltrarsi tra le schiere avversarie, offrirsi a piedi alieni, ancorché amici, per portare a compimento quell’insolita costruzione, recare il danno ambito, penetrare nella rete. Tuttavia la palla non sempre riusciva a separarsi da lui, perdeva di vista la mèta, naufragava nei meandriRead More

Posted On giugno 17, 2020By CalandrinoIn Culture Club

Omaggio boccaccesco

Chi non ha conosciuto il niente come può avere un’idea di come si governa?, disse alcuni anni fa Sir Tomas Pósthumous in un’intervista a Vanity Fair, sicuro che nessuno l’avrebbe compreso. Neanche io lo capii, ma il mistero di quella frase me lo sono cullato fino a oggi che è stato approvato il sesto comma all’articolo centocinquanta che prevede l’abuso di spritz all’aperto purché a distanza di un metro e ottantuno centimetri l’uno dall’altro, e autocertificazione a portata di mano. Dal terrazzo vedo la notte primaverile scendere sulla città comeRead More

Posted On giugno 15, 2020By James HansenIn Culture Club

Cecco mi tocca…

La parola pruderie, presa dal francese, significa: “Ostentazione di eccessivo pudore, spesso ipocrita […] di affettata intransigenza morale nei confronti di parole, situazioni e comportamenti ritenuti capaci di offendere un senso esagerato della decenza”. La pruderie arriva nella società a ondate cicliche. Il caso più studiato, di stampo puritano, è quello dell’Inghilterra vittoriana—la Regina Vittoria regnò tra il 1837 e il 1901—quando le persone perbene trovavano disdicevole parlare della “gamba” di un tavolo o di un pianoforte perché poteva far venire pensieri indelicati. Nelle conversazioni di politesse, infatti, sia i tavoli siaRead More

Posted On giugno 7, 2020By CalandrinoIn Culture Club

Il futuro ha i giorni contati

Nel corso a distanza di Futur Global Acritical Learn Thinking io studierò la parte del servo del padrone: finalmente non sarò più l’umile addetto all’ufficio pacchi e scanner, che sfoglia ogni giorno l’elenco dei padroni del mondo e di volta in volta decide chi servire, ma potrò dare il mio solido contributo alle inchieste del controspionaggio complottista. Primo passo per individuare lefake news, che si nascondono sotto le stesse happy news, è di tracciare, con la somministrazione di questionari a risposta multipla, il profilo psicopatologico di chi non crede inRead More

Posted On giugno 3, 2020By CalandrinoIn Culture Club

Grazie alle statistiche

Le statistiche dicono che io sono vivo, e questo mi mette sempre di buon umore. Non capisco, invece, perché alcuni non si fidano, anzi dicono che le statistiche non sono una cosa seria! Io le consulto ogni mattina, prima di lavarmi sotto le ascelle e cambiarmi la biancheria, prima di bere il caffè e sbadigliare come bue. Sono ligio alle raccomandazioni del mio capo, il commendator Virgulto, che ha dato precise disposizioni sul rilievo da dare alle statistiche nella terza pagina del giornale dove lavoro. Sì, proprio in quella paginaRead More

Posted On maggio 31, 2020By Alessandro AgostinelliIn Culture Club

Christo: l’artista senza opere

Christo Vladimiro Javacheff aveva 84 anni. Se n’è andato nella sua casa di New York. E noi diamo l’addio a Christo, l’artista bulgaro-newyorkese che ha ‘impacchettato’ i monumenti di mezzo mondo, incluse le Mura Aureliane a Roma. La sua ultima opera in Italia è stata la famosa passerella sul lago di Iseo, The Floating Piers, nel 2016. “Christo e Jeanne-Claude hanno sempre detto chiaramente che la loro arte sarebbe dovuta continuare dopo la loro morte. L’Arc de Triomphe Wrapped resta in programma per il 18 settembre-3 ottobre 2021”, annuncia l’account Twitter ufficiale di Christo e sua moglie Jeanne-Claude.Read More