• Words di Marco Giaconi

    La fine della sanità pubblica?

    È stata la pandemia del Covid-19 a rivelare, a tutti, che la sanità pubblica era in forte crisi.   Tra Italia e USA meglio la penisola Ma il processo di progressivo smantellamento del Sistema Sanitario Nazionale (nato con la legge 833 del 1978, prima firmataria Tina Anselmi) è ormai evidente. È strana la permanenza del mito secondo il quale

    ( Read More )

    È stata la pandemia del Covid-19 a rivelare, a tutti, che la sanità pubblica era in forte crisi.   Tra Italia e USA meglio la penisola Ma il processo di progressivo smantellamento del Sistema Sanitario Nazionale (nato con la legge 833 del 1978, prima firmataria Tina Anselmi) è ormai evidente. È strana la permanenza del mito secondo il quale

    read more →
  • Words di Alessandro Agostinelli

    Qualcosa peggio del virus?

    Difficile dire cosa poteva essere fatto meglio. A meno che non si voglia sfruttare l’occasione del coronavirus per fare politica anti-italiana, come hanno fatto i francesi, ironizzando sul nostro Paese, all’inizio di questa stagione mondiale in cui cambieranno senz’altro le priorità economiche e sociali per lunghi anni a venire.   Politici miopi Certamente non ha fatto un effetto positivo

    ( Read More )

    Difficile dire cosa poteva essere fatto meglio. A meno che non si voglia sfruttare l’occasione del coronavirus per fare politica anti-italiana, come hanno fatto i francesi, ironizzando sul nostro Paese, all’inizio di questa stagione mondiale in cui cambieranno senz’altro le priorità economiche e sociali per lunghi anni a venire.   Politici miopi Certamente non ha fatto un effetto positivo

    read more →
  • Words di Marco Giaconi

    L’Arbasino che ci manca

    Arbasino è stato sia Bouvard che Pécuchet, ma anche, e soprattutto, un cattivissimo, velenoso Flaubert. Collezionista delle deviazioni dell’animo contemporaneo, oggi appunto continue e patologiche, le ha catalogate con una cattiveria ben peggiore di quella di Flaiano, che non poteva, diversamente da Arbasino, non nascondere la terribile tristezza che lo attanagliava. Moglie pazzoide e matematica, figlia demente, per Flaiano.

    ( Read More )

    Arbasino è stato sia Bouvard che Pécuchet, ma anche, e soprattutto, un cattivissimo, velenoso Flaubert. Collezionista delle deviazioni dell’animo contemporaneo, oggi appunto continue e patologiche, le ha catalogate con una cattiveria ben peggiore di quella di Flaiano, che non poteva, diversamente da Arbasino, non nascondere la terribile tristezza che lo attanagliava. Moglie pazzoide e matematica, figlia demente, per Flaiano.

    read more →

Movie

di Giovanni A. Cecconi

Omaggio a Tonino Guerra, nel centenario della nascita (16 marzo 1920 –21 marzo 2012)

Nato cento anni fa e scomparso a Sant’Arcangelo, il romagnolo Guerra è stato fra i massimi sceneggiatori del cinema italiano. Di famiglia semplice (i genitori erano dediti al commercio del carbone) ebbe una carriera di studio abbastanza regolari, con il privilegio di avere avuto il suo

marzo 17, 2020

Voice of Jerusalem

di Michelangelo Fabbrini
IMG_7960 copia

Bibbia e coronavirus

Poteva mancare, in questo periodo nel quale Israele viene attraversata dalla paura per la diffusione del coronavirus, un richiamo ai testi biblici? Il giornalista Aviel Schneider pubblica un articolo il 20 marzo su Israel Today («God is my Antidote») sul rapport fra ebraismo

marzo 27, 2020
gerusalemme tramvia copia
Politica Israeliana
marzo 23, 2020

Poetry

di Salvatore Ritrovato

«La vita vera è altrove». Una poesia di Adam Zagajewski

Autoportret w samolocie   w klasie ekonomicznej   Skulony jak embrion, wtłoczony w ciasny fotel, próbuję sobie przypomnieć zapach świeżo skoszonego siana, kiedy drewniane wozy zjeżdżają w sierpniu z górskich łąk, ślizgając się na polnych drogach, i woźnica krzyczy głośno, tak jak

marzo 22, 2020

MusicShow

di Riccardo Ventrella
Dylan_Alleo

Dylan, il futuro inattendibile

E tutto d’un tratto il coro, recita un celeberrimo carosello. Tutto ci si poteva aspettare nel bel mezzo della pandemia, meno che un Dylan. Tutto ci si poteva aspettare, meno che un Dylan di sedici minuti. Tutto ci si poteva aspettare, meno

marzo 30, 2020
Il grunge, e noi umanità del virus
Diodato
Sanremo Diodato
febbraio 9, 2020

Culture Club

Basso femminile…

di James Hansen

Il timbro della voce femminile è sceso – almeno in Occidente – in maniera marcata negli ultimi decenni e nessuno sa esattamente perché. Uno studio (https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S0892199798800404#!) compiuto all’University of South Australia su campioni vocali femminili registrati tra gli anni ’40 e gli anni ’90 del secolo scorso ha quantificato lo

marzo 29, 2020
Colpire il virus poetico
febbraio 26, 2020
10 anni di Tasso
febbraio 21, 2020
Nicola ZIccardi, Leporello

di Guelfo Guelfi

  • Arrestatevi!

    Se devo dire la verità a me gli arresti domiciliari mi sembravano una bella cosa: Stella lavora a Firenze, i figli sono grandi, godono di vite e di figli propri,… Leggi il seguito…

  • Le carceri il virus e Repubblica

    È successo che ho discusso con un amico, non solo uno che stimo tale, quanto piuttosto uno che ho scoperto e sentito tale: una sorta di colpo di fulmine. Diciamo… Leggi il seguito…

  • Iran, bastone e carota

    La Stampa, pagina 10: “Usa-Iran, ultime scintille. Obama: felici, ma vigileremo”, “La Casa Bianca impone sanzioni (leggere) per i missili. Israele: ayatollah più forti”. Scrive Francesco Semprini da New York… read more 

    Di Alessandro Agostinelli | Pubblicato il 19 Gennaio 2016

  • C’era una volta la Turchia europea

    Sul Corriere della Sera, a pagina 2, Lorenzo Cremonesi, inviato a Istanbul: “Un kamikaze alla Moschea Blu”, “Il premier: attentatore membro dell'Isis. Erdogan: 'Siamo il primo obiettivo dei terroristi. Li… read more 

    Di Alessandro Agostinelli | Pubblicato il 13 Gennaio 2016

POESIA ETS Nuova Serie

POESIA ETS Nuova Serie

La collana POESIA ETS Nuova Serie vuole attraversare le culture contemporanee, e con l'esercizio delle parole e la costruzione delle immagini raccontare la vita. La collana propone poesia contemporanea di nuovi autori italiani e di inediti stranieri che raccontano le società, le idee, le cose.