26 Maggio 2024
Words

Omeopatia o omeopazzia

Sul Corriere della Sera troviamo una riflessione di Massimo Gramellini che ci pare puntuale e accurata sul dramma del bambino morto per essere stato curato con l’omeopatia, a fronte di una otite aggravatasi, con il pus che si è diffuso fino a raggiungere la materia cerebrale.

“Un bimbo di sette anni è morto per un’otite. Un’infezione curata con le pillole omeopatiche è degenerata al punto che il pus ha raggiunto le pareti del cervello. Non mi permetto di giudicare quello dei suoi genitori, anche se la tentazione sarebbe forte. Di loro sappiamo che abitano in un paese sdraiato sui colli incantati di Urbino e che sono una coppia stimata di commercianti. Nessuna storia di degrado o di devianza. Eppure riesce difficile immaginare che un padre e una madre, al capezzale di un figlio piccolo che si lamenta per il dolore e la febbre alta, possano rimanere insensibili per settimane all’impulso primordiale di proteggerlo, chiamando un medico affinché gli prescriva degli antibiotici.

Ho conosciuto Christian Boiron, il titolare dei più famosi laboratori omeopatici del mondo. È un uomo equilibrato e saggio, che diffida di chi si cura soltanto con l’omeopatia. Sostiene che bisogna alternare i farmaci a seconda delle patologie e delle necessità. Purtroppo ci sono persone così deboli e insicure che non riescono a vivere senza appoggiarsi a un dogma. Non importa se religioso, materialista, scientifico, antiscientifico, carnivoro, vegano. Purché si tratti di un precetto che, in nome di una qualche presunta verità assoluta, li dispensi dalla fatica di adeguare i comportamenti alle situazioni. Ognuno ha il diritto di consegnarsi a una vita rigida da esaltato. Ma appena il fanatismo tracima all’esterno smette di essere un diritto per diventare un problema. E, se lambisce la creatura di cui si è responsabili, un delitto”.