3 Marzo 2024
WebFood

Vita nuova in cucina, fisico in forma

Anno nuovo, befana passata, carnevale alle porte, ma tutti già pronti per una vita nuova. E per la vita nuova siamo sempre pieni di buoni propositi. Uno di questi, solitamente, è quello di tornare in forma dopo le varie “abbuffate”. Senza farsi prendere dalla voglia di ottenere “tutto e subito” ecco i miei consigli per affrontare al meglio questo periodo:

  1. Niente panico – Aver mangiato più del solito durante le feste passate non avrà certo fatto impennare il vostro peso, o meglio la vostra massa grassa. “Ingrassare” nel vero senso del termine in seguito a un pasto abbondante è pressoché impossibile, come è impossibile dimagrire saltando un pasto una volta ogni tanto. Se avete visto il vostro peso aumentare sono sicuramente liquidi in eccesso, ritenuti a causa di un’alimentazione troppo abbondante rispetto al solito e magari di uno stile di vita più sedentario del dovuto. Vi basterà quindi riprendere la vostra “routine”, sia “alimentare” sia di movimento per tornare al solito peso. Il discorso è diverso se ci si rende conto di aver mangiato in eccesso per tutto dicembre e gennaio. Se credete di aver davvero esagerato per un lungo periodo allora adesso è il momento giusto per rimettersi in riga, senza avere la pretesa di ottenere risultati in tempi record.
  1. Parola d’ordine: Pazienza e Movimento – Per compensare il maggior introito calorico e perdere prima gli eventuali chili in eccesso, l’attività fisica dovrà diventare la vostra principale alleata. A volte si rinuncia al movimento perché si pensa che si possano bruciare calorie solo andando in palestra o praticando dello sport; in realtà, qualora questo non fosse possibile, ci sono tantissime attività ugualmente dispendiose a livello energetico: fare le scale invece che prendere l’ascensore, camminare almeno venti minuti al giorno (monitorando l’attività con un contapassi), passare più tempo all’aria aperta con i propri figli o praticare un po’ di attività fisica a casa.
  1. Corretta Alimentazione – La “compensazione” non è la strada più giusta. Dopo le “abbuffate” non torneremo in forma prima saltando i pasti o riducendo al minimo la nostra dieta. Mettere in atto comportamenti del genere può solo portare a un aumento dello stato di stress e un’alterazione del senso della fame che col tempo condurrà alla ricerca di alimenti “soddisfacenti” per il palato, e quindi, nella maggior parte dei casi, molto calorici. Inoltre, un’alimentazione ipocalorica mal controllata porta inevitabilmente a una perdita di liquidi e di massa magra, non di massa grassa, processo che favorisce il rallentamento generale del metabolismo corporeo. La strada più giusta è, come sempre, quella di mantenere le proprie abitudini alimentari ricordandosi di aumentare il consumo della verdura di stagione, anche attraverso minestroni e vellutate, per aumentare l’apporto di acqua, vitamine, sali minerali e fibre. Le fibre sono utilissime per recuperare una normale attività intestinale, perciò è importante in questo periodo consumare principalmente cereali integrali e ridurre al minimo i prodotti ricchi di zuccheri (dolci, succhi di frutta, bevande gassate, ecc.) e di grassi saturi (grassi di origine animale come burro, strutto, carne rossa e prodotti confezionati in generale).

Queste semplici regole vi aiuteranno a sentirvi meglio. Facciamo sparire i dolci e gli avanzi dei dolci dalle nostre cucine e optiamo per una spesa salutare: ricominciamo a preparare piatti sani. Con un po’ di pazienza ognuno di noi può raggiungere qualunque risultato, non c’è limite di età, non ha meno probabilità di riuscire chi ha meno tempo, più figli o chi ha un lavoro più pesante. Ricordatevi sempre che a ogni problema c’è una soluzione, però alla base deve esserci ovviamente tanta forza di volontà e determinazione.