All posts by Marisa Cecchetti

Marisa Cecchetti

Marisa Cecchetti vive a Lucca. Insegnante di Lettere, ha collaborato a varie riviste e testate culturali. Tra le sue ultime pubblicazioni i racconti Maschile femminile plurale (Giovane Holden 2012), il romanzo Il fossato (Giovane Holden 2014), la silloge Come di solo andata (Il Foglio 2013). Ha tradotto poesie di Barolong Seboni pubblicate da LietoColle (2010): Nell’aria inquieta del Kalahari.

  Sa scandagliare l’animo umano fino al profondo, senza timore di trovare il buio e la paura, ma cerca la bellezza dovunque è possibile Emiliano Gucci, che ci coinvolge  con storie di gemellarità, questa volta, continuando il suo narrare volto a  indagare gli aspetti più vari e complessi e delicati dei rapporti umani. Sono due fratelli, Fausto e Franco, coloro che aprono il romanzo, identici tanto da essere scambiati, tanto da potersi sostituire al bisogno. Cresciuti in una cascina sopra un colle, in mezzo a vigne e olivi e boschi;Read More
Un romanzo conturbante, per definirlo con un’unica parola, Il turno di Grace, di William Wall, scrittore che vive tra l’Irlanda e la Liguria. Ci porta dapprima in un’isoletta davanti a Cork, in Irlanda, dove vive isolata dal mondo Jane, la madre, con tre figlie piccole, Grace, Jeannie ed Emily, verso la metà del secolo scorso: “Vivevamo con la mamma. Le barche andavano e venivano, portando cibo e a volte pecore, e ogni tanto ce la cavavamo pescando o cacciando conigli, senza esserne molto capaci”. Questa scelta è stata imposta dalRead More
“A chi semina, a chi raccoglie,/ a voi e alle mie metamorfosi”: la dedica contiene la sintesi del pensiero ed oso dire della personalità di Giuseppina Biondo, giovane poetessa siciliana. Colpiscono il suo linguaggio, la freschezza e la forza delle immagini,   il frequente rimando alle  metamorfosi: “Divenni albero all’improvviso / e si compì la mia metamorfosi”, metamorfosi  intese  in senso di accrescimento, di ampliamento del sé fino ad accogliere istanze universali: “e non mi domanderò dell’alba e delle stagioni,/ perché sarò il loro inizio e il loro cambiamento”. E’ comeRead More
Emigrato da giovane dalla Calabria ad Amburgo, dopo essersi fatto conoscere in Germania come narratore, nel 2012 Carmine Abate ha pubblicato con Mondadori La collina del vento, romanzo con cui ha vinto il Campiello, che ci riporta nella sua Calabria. Lui è di Carfizzi (1954), paese di lingua e cultura arbereshe- quella degli Albanesi d’Italia. Il tema dell’emigrazione, unico modo per sfuggire alla mancanza di lavoro che ha sempre attanagliato il nostro Sud, è frequente nei suoi libri, anche ne L’albero della fortuna, in cui ha raccontato la storia diRead More

Posted On dicembre 11, 2020By Marisa CecchettiIn Sun

Matteo Bianchi, Fortissimo, Minerva Edizioni 2019, pag. 96, € 10,00

Una nuova collana di poesia, diretta da Giancarlo Pontiggia e Cinzia Demi, porta un nome femminile, Cleide, quello della figlia di Saffo, “alla quale la madre dedica dei bellissimi versi, quasi a mostrare l’indirizzo rivolto ai figli e alle figlie della poesia”, come scrive Cinzia Demi in una nota finale al testo del giovane Matteo Bianchi. In Fortissimo ad una parte diaristica iniziale, Diario di un amore, Bianchi affianca Mezzo Piano, poesie che vanno dal 2008, quando era appena ventenne, al 2018. Un filo attraversa ed unisce le due parti,Read More
Anche Lucignana sembrava abbandonata mentre procedevo su per la salita che porta a Sopra la penna, la libreria di Alba Donati, piccola e accoccolata contro il muro a secco che sostiene la strada, aperta verso la vallata. Mi sono arrivate voci, le ho seguite fino ad un cortile dove pochi anziani giocavano a carte. Salga su, la trova alla sua destra. La voce delle case abbandonate era il libro più adatto, più giusto, da acquistare in quel guscio d’uovo di libreria, dopo una tisana bevuta al tavolino piccolo, guardando ilRead More
Quando Kader Abdolah (Arak 1954) ci riporta nel paese da cui è dovuto fuggire, l’Iran, ritroviamo la atmosfera magica che lui ha sempre saputo creare, e ci vengono subito in mente capolavori come Scrittura cuneiforme e La casa della moschea. Ora si conosce la vita di Sultan fin da bambino  nel castello di famiglia alle pendici delle montagne. Lo seguiamo al tempo dello scià Reza Palhevi, poi durante la rivoluzione  del 1979 con l’avvento di Khomeini, durante la guerra Iraq- Iran,  fino alla fuga in Pakistan e finalmente in  Olanda..Read More
Giuseppe A. Samonà ne La frontiera spaesata. Un viaggio nei Balcani, ci porta con sé oltre il nostro confine orientale, partendo da Trieste e attraversando le terre della Slovenia e della Croazia. Trieste è la prima meraviglia del percorso: “Trieste acchiappa-tutto; Trieste straniera, estranea a qualunque tentativo di accoccolarla da una parte invece che da un’altra, Trieste insofferente a tutto quel che è catena, barriera, ghetto, proprio perché appunto continuamente si è tentato di imporglieli; Trieste dissociata, con un piede nella luce e l’altro nelle tenebre, che poi sono l’amoreRead More
Come afferma Ingrid Basso nella sua nota storica, “il romanzo-monologo della moglie del Colonnello, attraverso la quale Rosa Liksom dà voce immaginaria al personaggio reale della scrittrice lappone Anniki Karieniemi (1913-1984), è anche il monologo di un’antica terra e allo stesso tempo di una nazione ancora giovane: la Finlandia”. La moglie del Colonnello continuerà a farsi chiamare così anche dopo la fine della sua storia con lui, tanto profondi sono i segni che il Colonnello le ha lasciato. Giovanissima, cresciuta nel rispetto fanatico del pensiero filogermanico per rifiuto della occupazioneRead More
  Al tempo della società agricola nelle corti vivevano famiglie che condividevano spazi comuni, l’aia, il forno, il pozzo, e si scambiavano favori e liti – come succede tra vicini – ma erano presenti. Un condominio le ricorda: tutti sono raccolti intorno alla stessa rampa di scale, a salire sullo stesso ascensore, a vivere gli stessi spazi comuni. L’abitudine e l’educazione portano il saluto, talora due parole e un sorriso, una condivisione. Regala, il condominio, la sensazione di non essere soli. Alessandro Canzian, in Il Condominio S.I.M. ha recuperato voltiRead More