All posts by Michelangelo Fabbrini

Avatar

Posted On settembre 28, 2020By Michelangelo FabbriniIn Voice of Jerusalem

Vacanze in Cisgiordania

Israele è da poco rientrato in lockdown. Approfittando di una catena di feste ebraiche (il capodanno, il Giorno dell’Espiazione, Capanne), saranno tre settimane lunghe e faticose. Anche gli israeliani, come noi, avevano abbassato la guardia quest’estate. Quando una seconda ondata di Covid ha reso ovvio che andare all’estero non era possibile, gli italiani hanno approfittato per riempire spiagge, montagne e luoghi d’arte nazionali, e gli israeliani pure. Chi ha aspettato fino all’ultimo, ha poi scoperto che la maggior parte dei luoghi di vacanza in Israele erano già prenotati, e allora cheRead More
Amir Center, 2014. 67x100 cm. Archival pigment print

Posted On settembre 3, 2020By Michelangelo FabbriniIn Voice of Jerusalem

Fotografi israeliani. Eli Singalovski

Posted On agosto 13, 2020By Michelangelo FabbriniIn Voice of Jerusalem

Fotografi israeliani. Yaniv Nadav

In questo periodo, la Valle del Giordano è nelle orecchie dell’intera comunità internazionale a causa della temuta annessione da parte d’Israele, voluta dal suo governo. Sin da quando Zoltan Kruger (uno dei pionieri della fotografia in Israele prima d’Israele) nel 1937 fece delle foto a volo d’uccello, la valle ha subito una serie di cicatrici che sarà impossibile rimarginare. Ma il fotografo Yaniv Nadav assieme alle ferite ci restituisce anche il suo aspetto primordiale che ancora prevale sulla politica che quotidianamente l’opprime. Yaniv Nadav è un cittadino israeliano, ha 42Read More

Posted On agosto 6, 2020By Michelangelo FabbriniIn Voice of Jerusalem

Gerusalemme non è capitale

In questi giorni il Tribunale di Roma ha obbligato la trasmissione «L’Eredità», condotta da Flavio Insinna, a rettificare quella che è stata definita «una informazione errata»: il 21 maggio scorso, alla domanda su quale fosse la capitale d’Israele, una concorrente ha detto ‘Tel Aviv’ ma la risposta è stata considerata sbagliata in favore di ‘Gerusalemme’. Il tentativo di rimediare non è andato a segno, il 5 giugno Insinna ha letto una precisazione sbagliata: «sulla questione esistono posizioni diverse». Proviamo noi a fare chiarezza su questo tema che inganna molti, ancheRead More

Posted On luglio 30, 2020By Michelangelo FabbriniIn Voice of Jerusalem

Israele e la sinistra che non c’è

Martedì scorso il Presidente d’Israele Reuven Rivlin ha reso esplicita la crisi politica che il paese sta di nuovo attraversando: “Come ogni altro cittadino, sto seguendo con grande preoccupazione gli sviluppi in Parlamento e la continua destabilizzazione di tutti i partiti di una coalizione di governo già fragile”. Si dice che Benjamin Netanyahu abbia deciso di bocciare il bilancio 2020. Senza quello, Israele sarà gettato in nuove elezioni (ci sono state lo scorso due marzo, ed erano le terze in un anno). Secondo molti commentatori, il ragionamento che spingerebbe NetanyahuRead More

Posted On luglio 21, 2020By Michelangelo FabbriniIn Voice of Jerusalem

Salviamo il lago di Gesù

Proviamo adesso a evitare nuovi commenti sulla possibile annessione della Cisgiordania e guardiamoci un po’ intorno, cercando di approfittarne per una bella scampagnata. Vi propongo il lago di Galilea (o lago di Tiberiade, o Kinneret). Questo lago che sta al nord d’Israele è unico. Da un punto di vista naturale è bellissimo, così com’è incastrato fra i monti (che in realtà sono i bordi della fossa tettonica della valle del Giordano). Se si arriva dalla Galilea, cioè da Haifa e da Nazaret, lo si vede all’improvviso, dall’alto; risalendo la valleRead More

Posted On luglio 14, 2020By Michelangelo FabbriniIn Voice of Jerusalem

Europa contro l’annessione

L’Unione europea deve formulare rapidamente un elenco di possibili risposte all’eventuale annessione israeliana della Cisgiordania. È il senso espresso da una lettera inviata venerdì scorso al capo della politica estera europea, Josep Borrell, da undici ministri degli esteri europei – Italia, Francia, Olanda, Irlanda, Belgio, Lussemburgo, Svezia, Danimarca, Finlandia, Portogallo e Malta. La lettera ricorda che questi ministri, in una riunione informale lo scorso 15 maggio, avevano chiesto a Borrell di formulare risposte a un’annessione israeliana; e che Borrell aveva di conseguenza chiesto al suo staff di preparare un elencoRead More

Posted On luglio 1, 2020By Michelangelo FabbriniIn Voice of Jerusalem

Oltranzisti israeliani: Trump vuole fregarci

Ci siamo! Il 1° luglio è arrivato. Inizia il periodo in cui, secondo l’accordo di governo, il primo ministro israeliano Netanyahu può presentare il piano per l’annessione di parti della Cisgiordania. Ormai la comunità internazionale è schierata, sappiamo chi è a favore dell’annessione e chi è contro. Ovviamente i palestinesi sono scoraggiati: “qui la situazione non cambierà per niente – dicono in molti – che si chiami occupazione o annessione”. L’annessione è già lì, da anni, e basta fare un giro per la Cisgiordania per vederlo con una chiarezza. MaRead More

Posted On giugno 23, 2020By Michelangelo FabbriniIn Voice of Jerusalem

Annessione, che caos!

L’attuale governo israeliano ha giurato il 17 maggio, e fra le priorità ha posto l’annessione di territori della Cisgordania, dando nuovamente una ragione di lotta e unione a tutti i palestinesi che ultimamente (specie in Cisgiordania) non erano tanto arcigni. L’accordo fra i partiti di maggioranza prevede che il primo luglio Netanyahu presenti una proposta di annessione che dovrà essere approvata dal Governo e dal parlamento e poi che sia riconosciuta e accettata dai principali attori internazionali (leggasi gli Stati Uniti). Il primo luglio si avvicina. Sul tavolo, a oggi,Read More

Posted On maggio 22, 2020By Michelangelo FabbriniIn Culture Club

Tutti fratelli di Impastato

Vorrei scrivere un pezzo sentimentale e dedicarlo all’educazione sociale e civile (e perché no, una parte anche cattolica), mia e di molti altri. Vorrei ricordare Peppino, mio quasi-fratello (perché in questi oltre 40 anni ho scoperto che è stato così, quasi-fratello non di sangue ma di comunanza). Il 9 maggio 1978 moriva Aldo Moro, ma anche Peppino. Ricordo la prima pagina di Lotta Continua del giorno dopo. Parlava dell’evento più importante, esplosivo per la nazione tutta, purtroppo atteso o tentatamente contrastato per giorni e giorni. In fondo alla pagina, unRead More